BITEST - MODALITA' DI PREPARAZIONE ALL'ESAME

È un  test di screening del  primo trimestre per la valutazione del rischio di anomalie cromosomiche, quali la Trisomia 21 (Sindrome di Down), la Trisomia 18 (Sindrome di Edwards) ola Trisomia 13 (Sindrome di Patau).
Consiste in un algoritmo in grado di combinare i dati biochimici degli esami ematici della Free Beta HCG (sottounità beta libera della gonadotropina corionica umana) e della PAPP-A (proteinaplasmatica A associata alla gravidanza) con le misure ecografiche dell’embrione (translucenza nucale NT e lunghezza cranio caudale CRL), valutando fattori di correzione anagrafici, ecografici ed anamnestici.
Si precisa che trattandosi di un test statistico, il rischio calcolato dal software non ha valore diagnostico, pertanto NON PUÒ MAI SOSTITUIRE indagini invasive come l’amniocentesi o la villocentesi, ma soltanto fornire un indice di rischio personalizzato a supporto di eventuali decisioni di approfondimento di natura diagnostica. Si esegue nel primo trimeste di gravidanza, nell’arco di tempo a partire dal compimento della10a settimana fino al 6° giorno dopo il compimento della 13a settimana (10asett. - 13asett. + 6 gg).
La VALUTAZIONE STATISTICA del rischio è condizionata da diversi fattori di natura anagrafica (età, etnia), ecografica (misura del CRL e della NT, corretta stima dell’età  gestazionale legata al CRL), fisiopatologica (peso, diabete, dati biochimici, precedenti gravidanze con trisomia 21, gravidanza gemellare) e comportamentale (fumo), per i quali è ​strettamente richiesta l’accurata compilazione della scheda anamnestica adottata dal nostro laboratorio (i cui dati verranno gestiti in osservanza al Regolamento Europeo UE 2016/679, GDPR).
Il prelievo ematico è eseguibile senza appuntamento; è preferibile un digiuno di almeno 6 ore.